TERZA PAGINA

La sete di potere logora . . .

Il potere crea invenzioni per poterselo mantenere. Chi gioca nei palazzi del potere lo fa senza interessarsi dei popoli. La politica mondiale è stata trasformata da uomini senza scrupoli in un sistema di potere che guarda a interessi personali e non certamente a quelli dei veri bisogni dei popoli.
I grandi potenti fanno le guerre usando aerei e bombe che, spesso, distruggono quello che non dovrebbero distruggere, lasciando indenni i veri bersagli.

Le beghe tra adulti sono pagate quasi esclusivamente dai bambini, che ogni giorno vivono con l’incubo della paura, vere anime innocenti che non conoscono odio.

L’odio lo si conquista da adulti, e dovrebbero essere gli adulti a capire che da bambini non conoscevano odio, e per loro il mondo era meraviglioso.

Scorrono sul web, ogni giorno di più, immagini forti di bambini trucidati solo perché appartengono ad una religione diversa da chi la pensa diversamente, bambini che piangono sotto
le bombe che piovono dal cielo per uccidere fanatici di una religione stravolta dalle loro menti, bambini che dovrebbero giocare tranquillamente e vivere la loro fanciullezza guardano solo al domani, che dovrebbe essere di solo amore.

“Ogni guerra è una guerra contro i bambini” tuonava Eglantyne Jebb, fondatrice di Save The Children circa cento anni fa: non aveva torto ma, anzi, più il tempo è
passato, più le cose sono peggiorate. Il mondo è spaccato in due: una parte, più fortunata, dove i bambini sono amati, vanno a scuola, si divertono e godono di tutti gli onori della società, e un’altra molto sfortunata e dove la parola guerra non è solo una parola da studiare sui libri di storia ma è un aspetto della loro vita quotidiana; sono testimoni di atrocità disumane e, anche se fatti allontanare dalle zone rosso sangue, conservano dentro di loro ferite indelebili, che segneranno la loro vita come cicatrici sulla pelle.

Sono circa 142 milioni i bambini che vivono in zone di conflitti, e ben 24 milioni sofferenti delle gravi conseguenze delle guerre sulla loro salute mentale; alcuni milioni sono a rischio di sviluppare disturbi psicologici acuti. I sintomi tipici sono ansia, depressione, atti di autolesionismo e si arriva, talvolta, a tendenze suicide.

Tra le notizie sul web scopro un video amatoriale tratto dalla guerra in Siria: una bimba straziata dal dolore piange in ospedale e ricoperta di sangue urla dicendo “dove sta mamma?”…incosciente del fatto che non la rivedrà più, la mamma è morta da poco causa bombardamenti. Vedendo questo video piango, e penso che sia assurdo uccidere in nome di chissà quali interessi…e trovo ancora più stupido che proprio noi come altri popoli facciamo ancora business vendendo armi, strumenti per uccidere.

Ecco, poi intervengono personaggi che chiudono porti, che ricalcano gesta razziste che ormai si credevano seppellite da tempo…

Invito tutti a riflettere, a pensare di dare una mano piuttosto che chiuderci in pensieri anacronistici e gretti! E soprattutto per chi si professa “cattolico” (non io, sono ateo)
ricordasse che siamo tutti fratelli!
Gli adulti ipocriti, arroganti, terroristi, affaristi, politicanti, gente senza idee e senza logica, fanno sì, con le loro stupide azioni di potere, che ai bambini sia spezzata l’innocenza.
Questo mondo capovolto sta dimostrando in pieno quanto vale. C’è solo sete di potere, unica certezza in questo mondo senza più una logica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche
Close
Back to top button