EDITORIALE

La mascherina non è una imposizione … è una necessità

Mascherina SI . . .  mascherina NO
Francesco Paolo DE LIGUORO

il Punto. L’EDITORIALE

Oggi 18 maggio si riaprono la gran parte della attività commerciali e poiché già da giorni si è già realizzato il “rompete le righe”, con questo editoriale vorrei dare un piccolo contributo con una informazione corretta, sull’utilizzo delle mascherine.

Vorrei chiarire una volta e per tutte l’importanza dell’uso della mascherina, ovvero laddove è necessario indossarla e laddove possiamo completamente rimuoverla, anche se devo andare in controtendenza con quanto stabilito da disposizioni legislative talvolta cervellotiche e prive di cultura sanitaria, ma dettate solo dall’esigenza di imporre le cose, il che a mio avviso è sbagliatissimo poiché la gente è portata a dissentire e non comprende che invece dovrebbe, per almeno un anno, imparare un meccanismo di automatismo di autodifesa, che gli deve imporre di indossare o rimuovere la mascherina a secondo delle esigenze e delle circostanze.

Solo se si diffonderà questo tipo di cultura potremo realmente stare tranquilli.

E’ evidente che con l’arrivo del caldo, un pò come accade ogni anno con l’arrivo dell’estate, le patologie virali cominciano a scemare e ritengo che lo stesso possa accadere anche con il coronavirus.

Non mi sentirei, da medico-giornalista, di tranquillizzare tutti i miei lettori per fine ottobre-novembre con una possibile seconda ondata da Cavid-19, dal momento che anche l’OMS ha affermato che potrebbero verificarsi nuovi contagi, ma state pur certi che questa volta la Sanità mondiale non si farà trovare impreparati.

Abbiamo già detto e ridetto che la tranquillità la avremo con un vaccino, ma è innegabile che i tempi potrebbero essere lunghi, e dopotutto se non si arriva al 70% della popolazione che contrarrà il virus, sviluppando la cosiddetta immunità di gregge, non saremo tranquilli.

Pertanto è innegabile che dobbiamo imparare a CONVIVERE CON QUESTO VIRUS, l’economia ce lo impone.

Ora, tornando alla mascherina, va spiegato che ha uno scopo ben preciso, ovvero quello di proteggere le persone dalla saliva che può essere emessa parlando o dalla vaporizzazione del respiro di chi le indossa.
Il loro utilizzo ha un senso per proteggere le persone dai cosiddetti droplet, ovvero da quelle goccioline che veicolano il virus.

E’ incredibile che non venga fatta una comunicazione esatta, allora cominciamo con lo stabilire che se siete in un luogo CHIUSO, in presenza di altre persone che non conoscete o che non avete frequentato durante il lockdown, la mascherina va assolutamente INDOSSATA.

Se invece siete all’aria aperta e camminate da soli, distanti da altre persone, potreste tranquillamente togliervi la mascherina, ma la stessa va immediatamente rimessa quando ci si avvicina a terze persone.

Lo stesso dicasi quando si fa una corsa o, comunque, durante l’attività motoria. In questa circostanza la mascherina non va indossata perché con la mascherina si respira parte di quell’aria emessa dai polmoni, ricca di anitride carbonica. Serve, invece, respirare aria fresca, ricca di ossigeno.
In questa circostanza si rimette in circolo nelle proprie cavità aeree un’aria che ha più anidride carbonica che ossigeno, con il rischio di andare incontro ad una alcalosi.

Lo stesso in AUTO, vedo gente che senza altro passeggero indossa la mascherina: è praticamente inutile, da chi bisogna difendersi in questa circostanza ?
Ma la stessa diventa indispensabile se si è più persone in auto o se ad esempio ci si affaccia dal finestrino per chiedere una informazione.

Insomma, si deve realizzare un automatismo che ci deve imporre di indossare la mascherina laddove non è possibile il distanziamento sociale, che io definirei, più correttamente fisico.

Tra la gente e soprattutto tra la gente sconosciuta, non indossarla è DA IRRESPONSABILI, significa fare del male a se stessi ed agli altri e a mio avviso ci vorrebbero sanzioni severissime che mi auguro verranno applicate. E poi quando sapete che la mascherina va indossata, fatelo bene, coprendo naso e bocca sennò è inutile.

Solo se arriviamo a queste conclusione riusciremo a convivere con il Cronavirus in totale tranquillità.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close