TERZA PAGINA

Gli anni 80 … contro quelli attuali

Oggi parliamo di un argomento elaborato dalla mia mente nel corso di questa notte… Gli anni ‘80 Vs quelli moderni.
Forse un argomento più volte proposto da miei predecessori, ma da buon “Ottantino” (termine più soft per definirmi, oltre che “vecchietto” o “uomo vintage”) non posso fare a meno di proporlo.
Di tutti i decenni, gli anni Ottanta sono quelli che generano vari pareri discordanti, molto spesso vengono utilizzati per etichettare eccessi, nell’abbigliamento così come nel cibo e nello stile di vita.

Chi come me ha vissuto la propria infanzia e adolescenza in quegli anni li ricorda con nostalgia perché era un’epoca in cui si pensava che tutto era possibile, erano gli anni della speranza.
Ma cosa facevamo?Cosa indossavamo?Cosa ascoltavamo?Quali erano le nostre abitudini? Ecco che inizia la nostra ricerca di ricordi !

In primis noi ragazzi degli anni ‘80 non avevamo nè cellulare nè internet. Roba che paragonata a quanto accade oggi con ragazzini under 10 che già hanno le loro chat su Whatsapp e il cellulare a 10 anni… fa tanta tenerezza !

Pensiamo ora all’abbigliamento tipico di quegli anni:
● occhiali Ray-Ban
● zainetto Invicta a righe
● giaccone imbottito Monclair
● jeans appena sopra le caviglie Levi’s, Enrico Coveri,
● felpa Best Company
● cintura di pelle con grandi fibbie El Charro

La musica degli anni 80 la si scopriva soprattutto nei programmi della domenica Superclassifica show e Discoring. Duran Duran,, R.E.M.,, Sandy Marton, Tracy Spencer, canzoni come “Reality”, “Moonlight shadow”.

● per vedere un film noleggiavamo un VHS tutto smagnetizzato (oggi invece c’è netflix ed altri canali digitali)
● quando scattavamo foto passavano giorni o settimane prima di poterle vedere perché dovevamo portare il rullino a sviluppare (oggi invece abbiamo la possibilità di fare infinite foto con i nostri smartphone e vederle e/o cancellarle in tempo reale )
● per ascoltare la musica avevamo il walkman con le cassette (oggi esiste youtube,spotyfi ed altri sistemi avanzati)
● Giusto come breve citazione tutta al maschile come console avevamo i vari commodore,atari,sega master system e per giocare in compagnia invitavamo i nostri amici a casa il pomeriggio e facevamo sfide quasi interminabili fino ad orario di cena (oggi invece con i vari ps4 o xbox giochiamo online comodamente ognuno a casa propria pedendo credo la bellezza della socializzazione con il mondo esterno).

Un’ultima citazione la dedico alla scuola: Negli anni 80 (e anche nei 90), se la maestra (all’epoca una sola,non come oggi dove alle elementari ce ne sono almeno 3 ) ci assegnava come compito a casa una ricerca eravamo costretti a studiare tirando fuori dalle librerie dei genitori enciclopedie pesantissime, oggi tutto semplificato con un semplice click su Google….

Per non parlare de La festa a scuola: Una volta per le feste le mamme e le nonne si sbizzarrivano e preparavano dolci di ogni sorta da portare in classe. I dolci erano dolci veri (con burro, farina, uova, cioccolato, zucchero). Se contenevano mele valevano come frutta, naturalmente. Oggi invece se la nonna fa un dolce per la scuola deve prima ospitare il RIS di Parma nella cucina e vedersi portare via la torta dentro il cellophan come una Laura Palmer qualunque.

Beh, potrei continuare all’infinito con temi e differenze e non oso esprimere giudizi in merito… Lascio a voi questo spunto per approfondire una giornata di ricordi insieme ai vs cari e magari per poterli raccontare ai vostri bambini.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche

Close
Close
Close