CRONACANOTIZIE DI ERCOLANOULTIME NOTIZIE

Giornata nera sul fronte Coronavirus ad Ercolano

Giornata nera sul fronte Coronavirus ad Ercolano

Ai quattro casi positivi comunicati oggi dall’Asl Napoli 3 Sud all’Amministrazione Comunale di Ercolano, se ne è aggiunto un altro di contagio accertato nel tardo pomeriggio.

Mentre i primi quattro contagi sono legati al filone Uffici Comunali, per i quali è stato predisposto dal Sindaco la chiusura e la sanificazione dei locali di Palazzo di Città in corso Resina, il quinto contagio odierno è da ricondurre ad una giovane 27enne di ritorno dalle vacanze in Sardegna, che presentando febbre da più giorni ha comportato l’intervento del proprio medico di famiglia che ha richiesto l’effettuazione del tampone. Lo stesso, che è stato effettuato presso l’Ospedale Cotugno di Napoli, purtroppo ha dato conferma di positività e pertanto nei confronti della giovane donna che continua a lamentare lo stato febbrile, è stato predisposto il ricovero ospedaliero in reparto Covid. Attivate nel frattempo tutte le procedure di verifica per gli eventuali contatti avuti dalla giovane donna.

Allarmato di questa “giornata nera” anche il primo cittadino della città vesuviana, l’avv. Ciro Buonajuo, che prima di essere a conoscenza di questo ulteriore contagio, sulla sua pagina Facebook ha così scritto: “L’Asl ha comunicato che sono 4 le persone positive ad Ercolano, tutte collegate a quel precedente caso di due giorni fa. È anche per questo motivo che nella giornata di oggi ho disposto la chiusura degli uffici comunali e la sanificazione dei locali di Palazzo di Città in corso Resina. La nostra attenzione resta massima e stiamo mettendo in campo ogni azione, di concerto con i vertici dell’Asl, per circoscrivere e limitare la diffusione di questi contatti.

“Abbiamo ricostruito tutta la catena dei rapporti ed abbiamo predisposto tamponi per verificare la presenza di contagi. Ma, ribadisco che chi veramente può far qualcosa siete voi: sono i cittadini con i loro comportamenti, l’assunzione di responsabilità a darci una mano per contrastare la diffusione del Covid. Come già detto altre volte sono pronto a prendere iniziative anche forti per tutelare la salute dei miei concittadini. Il virus non è morto, dobbiamo tenere alta l’attenzione”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button