CRONACA

Furto all’Ufficio Anagrafe di Ercolano: rubate 500 carte d’identità

Ha destato notevole scalpore la notizia del furto avvenuto stanotte nell’Ufficio Anagrafe del Comune di Ercolano, in via Marconi. I ladri dopo aver forzato una finestra sbarrata, sono entrati nell’edificio, hanno divelto due porte blindate e scassinata una cassaforte, nella quale erano contenute cinquecento carte d’identità in bianco e circa seimila euro in contanti.

Nessun abitante della zona, piuttosto popolosa con abitazioni che affacciano sull’Ufficio Anagrafe, già sede in passato della Guardia Medica e dell’Igiene Mentale di Ercolano, ha notato nulla e segnalato lo scasso e l’intrusione alla Polizia e/o ai Carabinieri.

Stamane la sorpresa.
Sul posto il primo cittadino del Comune di Ercolano, l’avv. Buonajuto, che anche sulla sua pagina Facebook ha ribadito il suo sconcerto affermando che “solo nell’ultimo mese, sono una decina i furti del genere avvenuti in Campania, quindi è probabile che si tratti di una banda specializzata. Fa comunque un brutto effetto vedere un edificio pubblico violato, distrutto e derubato. Subito dopo la fine dei rilievi da parte delle forze dell’ordine, faremo in modo di far ripartire l’attività dell’Ufficio almeno per i servizi essenziali.”  – Ha continuato poi Buonaiuto –
“Ribadisco a Ministro dell’Interno, Prefetto e al Questore la richiesta di maggior presidio del nostro territorio, soprattutto di notte. In questi ultimi mesi, tra furti, violenze, agguati e sparatorie, la provincia di Napoli sembra essere stata abbandonata a se stessa e non è colpa dei poliziotti o dei carabinieri, ma di chi consente che siano tanto pochi per un territorio tanto vasto e complesso. Spero che episodi del genere possano servire almeno a fare una riflessione sulle priorità in materia di sicurezza: a furia di combattere i nemici immaginari, ci si sta dimenticando dei nemici veri.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close